top of page
Cerca
  • Dario

Il ruolo dell'azoto nelle fitopatologie

🦠 Quando parliamo di fitopatologie, ci riferiamo a organismi che agiscono come parassiti, cioè vivono dentro o su una pianta ospite e la sfruttano per ricavarne i nutrienti. Esistono tre categorie principali di malattie, a seconda che il parassita sia un fungo, un batterio o un virus. Qui voglio concentrarmi sulle malattie fungine e batteriche.


🔬 I parassiti batterici e fungini si possono dividere in due classi: facoltativi e obbligati. I parassiti obbligati hanno bisogno di una pianta ospite per sopravvivere, mentre quelli facoltativi hanno la possibilità di nutrirsi anche di materia organica morta.


🍁 Diamo un'occhiata a come le malattie fungine attaccano le foglie. Il modo in cui un parassita fungino entra in una foglia avviene attraverso la germinazione di una spora, da cui emerge un filamento (ifa) che penetra nel tessuto fogliare, e in particolare nello spazio tra le cellule, che contiene una soluzione di nutrienti e altri composti (questa soluzione è chiamata apoplasma, mentre quella contenuta all'interno delle cellule è il citoplasma). L'ifa rilascia quindi sostanze che dissolvono le membrane, uccidono le cellule e consentono la diffusione e l'assorbimento dei nutrienti dalla pianta. I batteri si diffondono in modo molto simile, ma senza spore o ife, semplicemente nuotando nella soluzione nutritiva della pianta e moltiplicandosi.



☘ Tre fattori sono davvero importanti per evitare che ciò accada: il contenuto nutritivo della foglia, la resistenza delle pareti e delle membrane che proteggono i tessuti esterni ed interni della pianta e la capacità della pianta di difendersi

Pertanto, il contenuto minerale della foglia è davvero importante per tutti e tre questi fattori di resistenza, perché alcuni nutrienti attraggono, incoraggiano e supportano la diffusione del parassita, mentre altri hanno il potenziale per prevenirlo e rallentarlo. Un trattamento dettagliato ed esteso delle connessioni tra i singoli minerali e la presenza di parassiti e malattie può essere trovato nei libri "Nutrizione minerale e malattie delle piante" (Datnoff et al, 2017) e "Nutrizione minerale delle piante di Marschner" (Rengel et al , 2022).

Qui non toccherò Calcio, Silicio, Boro e Zolfo e Potassio, perché di questi ho scritto nei post precedenti. Ma voglio spendere qualche parola sull'azoto.


🌿 L'azoto è il minerale più controverso quando si parla di resistenza alle malattie. Infatti, alti livelli di azoto aumentano la suscettibilità di una pianta a parassiti obbligati, mentre la carenza di azoto rende le piante vulnerabili a quelli facoltativi. Perché è così? Dipende dalle esigenze nutrizionali dell'agente patogeno. Come regola generale, l'alto azoto favorisce una crescita rapida e tenera, che avvantaggia gli obbligati, perché questi hanno bisogno dei metaboliti prodotti dalle cellule viventi. D'altra parte, i facoltativi preferiscono il materiale senescente e possono nutrirsi di tessuti in decomposizione o morti, quindi prosperano sulle vecchie foglie e possono anche rilasciare tossine che accelerano la morte delle cellule della pianta.

Elevate quantità di aminoacidi (legati ad un elevato contenuto di azoto) inducono la germinazione di spore fungine sulle foglie. L'eccesso di azoto rallenta anche la produzione di alcuni metaboliti secondari, e in particolare dei fenoli, che sono i precursori della lignina, il materiale legnoso che rende le piante più resistenti agli attacchi.


👨‍🌾 In pratica, questo significa che dobbiamo essere consapevoli dell'azoto fornito alle nostre piante, e dovremmo imparare a identificare e differenziare tra i principali patogeni facoltativi e obbligati che possono attaccare i nostri ortaggi. Parassiti facoltativi come alcune macchie fogliari (Alternaria, Cercospora, Xanthomonas, ecc.), Rhyzoctonia, Phytophthora, Pythium, Fusarium, è più probabile che siano un segno di basso azoto; mentre nelle piante con un eccesso di azoto si trovano spesso obbligati come l'Oidio, Pseudomonas, Peronospora.


🥕 Come ci assicuriamo che i nutrienti chiave (Ca, K, Si, S, B, N) non siano solo disponibili ma abbondanti nei nostri giardini? Ci sono molte risposte a questa domanda, qui condivido cosa facciamo e consigliamo noi di Living Soil Garden, senza pretesa che sia la soluzione giusta in tutti i contesti.


🍅 Un test del suolo può aiutarci a vedere se ci sono delle carenze di base. In alternativa, un'attenta osservazione delle erbe infestanti bioindicatrici e un'attenta ispezione delle malattie presenti possono darci molti indizi.

Quindi, dobbiamo fornire una fonte di cibo ricca, diversificata, complessa e vivente per le nostre piante. Il compost di origine vegetale e piccole quantità di lombrichi possono fornire sia i nutrienti che i microbi necessari per sbloccarli e passarli alla pianta.


🚿 Quando è presente una carenza e il terreno è troppo sbilanciato, asciutto o lento per dare risultati immediati, possiamo aggirarlo applicando un concime fogliare ad azione rapida; in questo caso, buone soluzioni sono le alghe (ricche di molti minerali e ormoni), l'estratto di compost (ricco di microbi ed enzimi), un macerato di equiseto (ricco di silicio) e i batteri lattici o LAB (che possono impedire la germinazione delle spore rivestendo le foglie ).

Come discusso nei post precedenti, gli apporti fogliari dovrebbero essere limitati se non evitati a lungo termine, poiché il suolo diventa ecologicamente equilibrato. Consentire alla microbiologia del suolo di mediare l'assorbimento dei nutrienti è anche un ottimo modo per evitare l'eccesso di azoto (soprattutto sotto forma di nitrati, che hanno un enorme impatto sugli insetti e sull'uomo, nonché sulle malattie) nelle foglie.

Se sei interessato a questi e ad altri argomenti relativi alla crescita rigenerativa, considera di unirti al nostro canale su t.me/livingsoilgardening

109 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Blog

bottom of page